Scritto da
Fotografie di

Lefkada in fuoristrada: alla scoperta dell’autenticità dell’isola

Nonostante Lefkada non figuri tra le isole greche più commercializzate a livello turistico, le sue bellezze paesaggistiche sono un vero gioiello, e si distingue per il suo facile raggiungimento via terra tramite un ponte che la collega alla terraferma. 

Se cercate autenticità, spiagge e calette deserte, mare turchese e una natura rigogliosa, l’isola fa al caso vostro.

 

DAY 1 Flotta in viaggio dalla Puglia alla Grecia

Partiamo con la flotta Dirigo in traghetto da Brindisi alle 13 ed arriviamo al porto di Igoumenitsa intorno alle 22. Dopo una breve cena, un primo assaggio delle bontà greche, ripartiamo in auto verso l’isola, situata a circa 3 ore da Igoumenitsa, intrepidi di nuotare nelle sue acque e godere così degli ultimi assaggi di un’estate ormai al termine.

DAY 2  Off-road nel cuore di Lefkada  

Veniamo svegliati dallo scroscio della pioggia ed un cielo tutt’altro che promettente per trascorrere una giornata in spiaggia. Tuttavia non ci perdiamo d’animo e, grazie all’esperienza e conoscenza del territorio del team Dirigo, iniziamo l’esplorazione della parte interna dell’isola: a bordo dei 4×4, percorriamo stradine sconnesse e sentieri sconosciuti ai più, se non ai locali. Siamo su un’isola, in Grecia, a pochi passi dalla Puglia, casa, eppure è come se fossimo stati risucchiati in una bolla senza tempo e senza luogo.

Il desiderio del mare e del sole tanto agognati sono ormai alle spalle, catturati dall’adrenalina della guida avventurosa tra le montagne rocciose che apre nuovi scenari sulla scoperta dell’isola. La giornata scorre veloce tra soste panoramiche per rubare qualche scatto, soste per “salvare” la macchina dal terreno fangoso causato dal temporale della notte e uno spuntino immersi nella fauna mediterranea più autentica. Data la natura dei percorsi variegati in fuoristrada, le tempistiche di guida non possono essere accurate; è bene perciò premunirsi sempre con provviste: il fuoristrada insegna che non c’è niente di meglio che godere del paesaggio da una prospettiva privilegiata mentre si assapora un panino e si sorseggia un buon bicchiere di vino in compagnia. Ritorniamo al porto di Vassiliki, paese in cui alloggiamo e base per l’esplorazione dell’isola, per gustare una bevanda fresca al tramonto.

 

DAY 3 Nel blu dell’isola, senza fiato 

L’alba del nuovo giorno pare aver lasciato dietro di sé il clima autunnale e ci regala una giornata baciata da un tiepido sole che col trascorrere delle ore diventa sempre più spavaldo. Partiamo alla volta della spiaggia di Agios Nikitas (a circa 30 minuti di auto da Vassiliki): una caletta di sabbia ciottolosa ben riposta tra costoni rocciosi visibile solo avvicinandosi alla scala in pietra, accesso diretto verso il paradiso. 

Il blu pavoneggia in tutte le sue splendide sfumature, alimentato dai raggi di un non timido sole ottobrino. Impossibile resistere alla tentazione di nuotare nel mare degli Dei: tuffarsi nel suo blu una mattina di ottobre in completa solitudine è un atto purificatorio. In un istante tornano alla mente le sensazioni quasi nostalgiche di quelle estati da bambini quando l’orizzonte temporale sembrava infinito, e ci si sente grati di essere circondati da tanta bellezza.

 

DAY 4 Inseguendo la luce del faro

Il viaggio procede come un crescendo, infatti il nostro stupore avrebbe raggiunto il suo apice il giorno dopo in direzione di Porto Katsiki (circa 2 ore in auto da Vassiliki). Percorrendo un sentiero di montagne adatto ai fuoristrada (tagliando così l’isola in modo perpendicolare) ci ritroviamo di fronte il mare, quasi come un’apparizione, dalle tonalità indescrivibili. Il turchese vivacizzato dal fondale e dalle pareti rocciose bianche circostanti; il blu cobalto, caratteristico della penisola greca, in netta separazione; il cielo limpido e azzurro a sorreggere quel quadro naturale. Ancora oggi, ogni qualvolta chiudo gli occhi, è un’immersione in quei colori.

Trascorriamo dunque la mattinata alla spiaggia di Porto Katsiki, con lo sguardo meravigliato verso le alte pareti rocciose che proteggono la cala e il fragore delle onde turchesi miste a spuma bianca sui ciottoli.

Nel pomeriggio raggiungiamo il faro di Capo Lefkas, il punto a sud più estremo dell’isola, da cui godere di un paesaggio mozzafiato a perdita d’occhio. Imboccando la strada di ritorno, è possibile scorgere dall’alto diverse calette, alcune accessibili solo tramite sentieri sterrati: arriva perciò il divertimento e alla fine del sentiero abbiamo il parcheggio d’onore in prima fila davanti al mare. L’acqua limpida e cristallina baciata dalla luce che anticipa il crepuscolo è un invito indeclinabile. 

Uno dei momenti del viaggio più impressi nel suo ricordo a posteriori è la strada del rientro a Vassiliki: seduti in auto avvolti con gli asciugamani anch’essi imbevuti di sale, il sole di fronte, le note di “Fix You” dei Coldplay in sottofondo e lo sguardo perso oltre il finestrino. 

DAY 5 Un tuffo a Meganisi

Il giorno dopo altri meravigliosi scorci di Lefkada ci avrebbero atteso, tuttavia abbiamo l’opportunità di raggiungere la vicina Meganisi (circa 20 minuti di traghetto da Lefkada), noleggiare una barca ed esplorare l’isola via mare, ciliegina sulla torta a conclusione di un viaggio all’insegna dell’incanto.

Iniziamo la giornata presto per non perdere neanche un minuto della giornata al mare e ripartire al tramonto alla volta di Igoumenitsa per il traghetto di rientro. Alle 9.30 circa siamo già sulla barca alla scoperta di Meganisi, le cui acque appaiono ancora più cristalline (se mai è possibile) di Lefkada. La barca mette a dura prova la nostra resistenza e la tentazione di tuffarsi è irresistibile. Esploriamo una parte della costa di Meganisi tra le sue grotte, calette e una tavolozza di blu come mare.

 

 

Ho sempre viaggiato soprattutto alla scoperta di terre lontane, ma la Grecia ha saputo estasiarmi e conquistare gli occhi e il cuore.

L’odore della terra bagnata dopo uno degli ultimi ed improvvisi temporali estivi;

il sognante turchese del mare che si infrange sulla spiaggia ciottolosa rendendo il colore dell’acqua vellutata;

il sapore dei frutti del mare che sapienti braccia portano sulla terraferma;

la sensazione di libertà ed adrenalina nel cuore dell’isola immersi nella natura rigogliosa.

I viaggi con Dirigo sono un connubio di esplorazione, avventura, ma soprattutto autenticità e spontaneità nella scelta delle opportunità che ogni viaggio presenta, diverse a seconda della destinazione, ritmo e compagni di viaggio. La realtà dei viaggi con Dirigo, rispetto all’aspettativa che tutti noi abbiamo prima di ogni partenza, è di gran lunga superiore, non solo per la scoperta delle bellezze del luogo, ma per le persone che si incontrano.

Lefkada, e la Grecia, è tutto questo, grazie a Dirigo.

 

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Guarda tutte le immagini del viaggio e leggi l’articolo di Elisa […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *